L oblio della notizia. Tra nuove leggi e ultime sentenze quale destino per il diritto di cronaca?.pdf

L oblio della notizia. Tra nuove leggi e ultime sentenze quale destino per il diritto di cronaca? PDF

Michele Partipilo

Cosè il diritto alloblio? Lunico strumento per difendersi dalla memoria infinita della Rete? Un diritto innalzato dalle persone per dimenticare e far dimenticare il loro passato e proteggere così la loro vita nel presente, senza il peso di colpe o di errori commessi in epoche trascorse? Oppure come sosteneva Stefano Rodotà: Il diritto alloblio può pericolosamente inclinare verso la falsificazione della realtà e divenire strumento per limitare il diritto allinformazione? Diritto alloblio significa anche diritto a cancellare un pezzo di cronaca, una porzione di fatti, immagini ed eventi che sono appartenuti alla comunità. Fino a che punto, in nome della tutela del singolo, si può modificare il passato eliminandone una parte con il rischio di amputare la Storia? E chi potrà decidere che cosa cancellare o rendere introvabile del passato di una persona: i giornalisti? I motori di ricerca? Il Garante per la privacy? I giudici? È in atto una nuova battaglia perché il velo del tempo non ricopra e faccia sbiadire il diritto dei cittadini a dare, ricevere e ricercare informazioni. Introduzione di Luciano Violante.

Le SS.UU. civili della Corte di Cassazione finalmente depongono, con la Sentenza n. 19681 del 22 luglio 2019, una pietra miliare sul discusso tema del corretto posizionamento della linea di confine fra diritto di cronaca e libertà di stampa da un lato e il diritto all’oblio, alla dimenticanza, dall’altro. Il discrimen, così ragionando, tra il concetto di diritto alla riservatezza ed il concetto di diritto all’oblio, se pur legati da un rapporto di strumentalità è, quindi, ...

9.41 MB Dimensione del file
9788866580911 ISBN
L oblio della notizia. Tra nuove leggi e ultime sentenze quale destino per il diritto di cronaca?.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.naturefamilies.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Diritto.it è il portale giuridico online di riferimento per i professionisti, aggiornato con la più recente giurisprudenza.

avatar
Mattio Mazio

L'oblio della notizia. Tra nuove leggi e ultime sentenze quale destino per il diritto di cronaca? è un libro di Partipilo Michele pubblicato da Centro Doc. Giornalistica nella collana Journalism and communication tools, con argomento Giornalismo - sconto 5% - ISBN: 9788866580911

avatar
Noels Schulzzi

Il discrimen, così ragionando, tra il concetto di diritto alla riservatezza ed il concetto di diritto all’oblio, se pur legati da un rapporto di strumentalità è, quindi, ... Diritto all’oblio: quando la memoria non è un valore di GIOVANNA BOSCHETTI* E NICOLO' BASTAROLI** La recente sentenza della Corte di Giustizia ha escluso l'obbligo di rimozione di dati al di ...

avatar
Jason Statham

Diritto all’oblio e diritto di cronaca. Con la recentissima ordinanza n. 9147 del 19 maggio scorso la Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi sul diritto all’oblio e sul suo rapporto con il diritto di cronaca, emanando il principio secondo cui in materia di diritto all’oblio, laddove il suo titolare lamenti la presenza sul web di una informazione che lo riguardi -appartenente al ...

avatar
Jessica Kolhmann

Negli anni ottanta la Corte di Cassazione ha fissato il punto di equilibrio tra la doverosa tutela del diritto di cronaca e l'altrettanto doverosa tutela della persona con due note sentenze: Cass. pen. 30/06/1984 (n. 8959) e Cass. civ. 18/10/1984 (n. 5259).